Definizione itinerario

L’itinerario a macro-blocchi:

Per prima cosa ho definito quali fossero i continenti/paesi che volevo visitare. Purtroppo occorre decidere quali paesi scartare per ovvi motivi di tempo. Sembra incredibile ma 1 anno è poco tempo e vola!!

Ho quindi definito due principali criteri:

  1. Paesi già ampiamente visitati
  2. Paesi con importanti luoghi ritenuti patrimonio dell’umanità dall’Unesco

Ho quindi scartato l’Europa, USA ed il Canada, già ampiamente visitati. Poi, con la lista dell’Unesco in mano, ho definito i rimanenti paesi che a mio giudizio valevano la pena di essere visitati con “solo” 1 anno di tempo.

Rimaneva da capire con quale sequenza logica volevo visitare i paese definiti. Ho seguito questi criteri:

  1. Temperature miti ed assenza monsoni
  2. Date o eventi particolari da rispettare

Amando infatti temperature estive e dovendo portare un carico di zaino in spalla per un anno, veniva da sè che dovevo toccare i vari paesi durante la loro migliore stagione (=vestiti leggeri), evitando però i monsoni!! Inoltre, volevo assolutamente esserci per il Carnevale di Rio (Febbraio 2013) e per la sbocciatura dei fiori di ciliegio in Giappone (Hanami, la prima decade di Aprile 2013).

Ho quindi buttato su una mappa dei “macro-bocchi”, ovvero dei post-it indicanti più o meno in che mesi avrei voluto visitare le diverse aree geografiche.

L’itinerario dettagliato (più o meno):

Il passo finale per definire l’itinerario è stato quello di verificare se i periodi/mesi in cui avevo pensato per ogni Paese, potessero essere compatibili con le forti restrizioni e vincoli dettati dai biglietti round-the world (RTW).

Ce ne sono diversi, alcuni offerti sottoforma di pacchetti da parte di agenzie specializzate, altri vendute dalle principali alleanze di compagnia aerea:

  1. Oneworld
  2. Staralliance

Ho scelto Oneworld, molto presente in Centro-Sudamerica con le compagnie Iberia e Lan e dove i biglietti sono incredibilmente cari (il volo a/r all’isola di Pasqua per 2 persone vale praticamente il biglietto RTW completo!!).

Scopro dunque che sono costretto, per esempio, a seguire una unica direzione di viaggio (da est verso vest o viceversa), che posso fare al massimo x stop-over in ogni continente ed y in tutto durante il viaggio, con non posso fare 2 volte scalo nello stesso paese, etc.

Oneworld mette a disposizione un ottimo simulatore per far sì che la scelta dell’itinerario fatto rispecchi le regole e le restrizioni del regolamento, permettendoti di definire subito anche i voli (giorno/orario).

Facendo sposare dunque le restrizione del biglietto oneworld, i paesi che volevo visitare, il clima mite da seguire con assenza dei monsoni e le date fisse che volevo rispettare (carnevale di Rio a febbraio, Hanami in Giappone ad Aprile), ho definito l’itinerario con date e citta’/paese.

L’itinerario l’ ho riportato su un mappamondo che mi aiutato molto nel capire con i miei occhi il “film” del giro che avrei fatto.

Decido di comprare quindi il biglietto RTW con Oneworld, più altri biglietti singoli con diverse compagnie per poter svincolarmi dal dover seguire una stessa direzione sempre e comunque.

Per esempio, raggiunta l’Australia con il biglietto RTW prosego per la Indocina e l’India con altri mezzi, per poi riprendere da Brisbane con il biglietto RTW proseguendo il viaggio verso est.

Questo ha comportato uno studio approfondito dei voli che volevo ed a tal scopo ho usato due motori di ricerca:

D’altronde, comprare biglietti aerei con il vantaggio del forte anticipo permette di avere prezzi incredibili (es: Darwin-Singapore 45€).

Alla fine, nel mio itinerario ci sono delle date/orari/città “paletto” da rispettare per via dei voli acquistati, ma tra questi ci sono anche blocchi di 1-2 mesi di overland dove il mezzo di trasporto e le date di soggiorno sono tutte da scoprire mano a mano.

Ho infine riportato l’itinerario di massima su un file Excel con il dettaglio delle:

  1. città di partenza ed arrivo (per i voli già prenotati con il biglietto oneworld + quelli singoli)
  2. orari/date
  3. numero prenotazione voli
  4. sequenza dei paesi e città con date orientative laddove non sono legato a voli già acqusitati (es: viaggi overland)

Per la esperienza fatta, consiglierei di preparare l’itinenario almeno 2 mesi prima della partenza<;;;;/strong

I preparativi

– Definizione dell’itinerario

– Cosa portare

– Ostelli ed escursioni

– Visti e documenti

1 commento

Un pensiero su “Definizione itinerario

  1. Nick

    Grande organizzazione!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.