Turchia: la bellissima Istanbul e la incredibile Capadocia

20-26 Giugno 2013

Mancano oramai pochi giorni al termine previsto del mio giro intorno al mondo.

Sembra incredibile eppure sono trascorsi quasi 365 giorni dall’ultima volta che ho lasciato l’Europa…o almeno un Paese vicino a quello che viene considerato Europa!

Dopo una incredibile esperienza in Asia conclusasi con un viaggio intorno alla Cina fino al sospirato Tibet, salgo di nuovo a bordo di un aereo e con un lunghissimo volo da Lhasa, atterro finalmente ad Istanbul, in Turchia.

Istanbul_1

Istanbul_47

 

Sebbene sia relativamente vicina al mio Paese Italia, non avevo mai avuto occasione di visitarla.

Quale migliore occasione quindi se non adesso? 🙂

Avevo una vaga idea di cosa avrei trovato, frutto del racconto e commenti di amici. Ma la realtà’ ha superato ogni possibile attesa.

Istanbul e’ una incredibile e bellissima citta’. Sopratutto e’ enorme con i suoi 13 milioni di abitanti!

Un fantastico mix tra cultura occidentale e medio-orientale, sebbene all’uscita dell’aeroporto mi imbatto in questo curioso cartello che monita i turisti. Come dire…ogni mondo e’ Paese!

Istanbul_171

Clima perfetto, ricca di storia ed edifici architettonici. Costruita sul mare ed intorno al mare. Per molti aspetti mi ha ricordato Roma, ma devo ammettere che la sua posizione sul canale che connette il Mar Nero ed il Mar Marmara, la rende terribilmente più affascinante!

Istanbul_77

Trovo alloggio presso il “Bauhaus Guesthouse”, in pieno centro storico. Prezzi e pozione perfetti!!

Ho davanti a me solo 1 settimana e come sempre di cose da vedere e fare ce ne sono molte, senza contare che ho tutta la intenzione di fare una capatina in Capadocia.

Per mia fortuna 1 mese prima avevo conosciuto durante il mio viaggio nella Corea del Sud, sull’isola di Jeju, una simpaticissima ragazza di Istanbul, Gokcecicek, con la quale ci siamo dati appuntamento proprio qui. E’ stata un perfetto Cicerone!

Non solo, ma ho avuto la fortuna di conoscere alcuni dei suoi amici, in particolare Aysenaz, con i quali ho avuto la possibilità’ di passare una settimana come un vero cittadino locale!

Istanbul_57

 

Ma cosa c’e’ da vedere ad Istanbul? Beh, c’e’ solo l’imbarazzo della scelta.

Come ogni citta’ antica che si rispetti, il centro storico, il nucleo originale ed antico, racchiude le principali costruzioni ed “attrazioni turistiche” diciamo.

Dopo essermi dato appuntamento con Gokcecicek, dalla mia Guesthouse mi metto a girovagare e perdermi per le antiche strade, approfittando di queste giornate di inizio estate (che non mi hanno mai lasciato durante il giro intorno al mondo 🙂 )

Si inizia con la famosa Basilica di Santa Sophia, un tempo cattedrale cattolica ma convertita in moschea dopo la caduta di Costantinopoli (ah..sapevate che Istanbul un tempo era chiamata cosi’ vero?!!). Oggi e’ un bellissimo Museo dove si può’ ammirare un interessante mix tra architettura cristiana e slogan mussulmani…

Istanbul_24

Istanbul_28

Istanbul_30

Istanbul_32

Istanbul_35

E se volete fare un vero bagno turco (un po’ di lusso pero’), proprio qui davanti si trova il più’ antico ed originale (e caro).

Istanbul_26

La Basilica si affaccia su una enorme piazza, con verde intorno, fontane ed un fiume di turisti che come me vaga da un luogo all’altro.

Istanbul_72

Turisti che sono sia stranieri che locali, e già dal primo giorno qui mi rendo conto che effettivamente l’Asia, il Centro-Sud America, l’Oceania, l’Africa, sono lontanissimi. Mi trovo ora immerso in una nuova cultura, quella islamica, sebbene, come detto, Istanbul e’ un affascinante mix tra occidente e medio-oriente.

Istanbul_75

Istanbul_79

A pochi passi dalla Basilica di Santa Sofia, oltre la piazza, si trova la splendida Moschea Sultan Ahmet, chiamata anche la “Mosche Blu” per via delle sue coloratissime mattonelle blu all’interno.

Istanbul_22

Istanbul_18

Istanbul_73

 

Come in tutte le moschee, anche qui occorre rispettare le regole che prevedono ingressi separati per uomini e donne, ed un certo “decoro” nel vestirsi. E magari “purificarsi” i piedi prima di entrare.

Istanbul_7

Istanbul_5

Istanbul_4

Istanbul_144

Ma una volta dentro, ci si perde dai mille colori e dalla magia di questa moschea.

Mi incuriosisce anche che distribuiscano delle specie di opuscoli dove spiegano le origini ed il significato della religione mussulmana, cercando di “sfatare”alcune incomprensioni storiche. Molto interessante ed educativo!

Istanbul_9

Istanbul_13

E dopo? Beh, facendo zig-zag tra venditori ambulanti e di gelati locali (se riuscite a prendere il gelato pero’!!!! Io ci sono cascato come un pollo prima di riuscire ad afferrare il cono dalla lunga asta metallica!!)

Istanbul_20

Istanbul_42

 

Arriviamo dunque a quello che potrebbe essere definita, “il Circo Massimo romano”, ovvero piazza Sultanahmet.

Si tratta infatti di un vero e proprio Ippodromo per le competizioni dei cavalli e delle bighe, con tanto di obelischi egiziani. Segno evidente dell’impronta data dai romani ai tempi di Costantino. Oggi…un bellissimo viale alberato 😉

Istanbul_63

Istanbul_67

Una cosa non mi e’ chiara pero’..ma perché questa guida ha una bandiera dei pirati???

Istanbul_62

Assolutamente da non perdere, se ci si trova qui vicino, e’ il Museo dei Mosaici, ma sopratutto le cisterne d’acqua sotterranee scavate dagli antichi romani.

Direi che la più’ famosa (e bella) e’ la Cisterna Basilica, con una capacita’ di 80,000 metri cubi di acqua!

Istanbul_91

Il soffitto e’ sorretto da una magnifica sequenza di colonne, tra cui alcune con una curiosa faccia di Medusa. Ma una e’ stata installata al contrario!!

Istanbul__180

Istanbul_92

 

Il tempo e’ volato e come prima giornata non c’e’ male!

Non ci e’ rimasto che rilassarci la sera, in compagnia di Aysenaz, in uno delle mille piazzette del centro, li’ dove solo i locali vanno e dove e’ bello perdersi tra loro, bevendo l’immancabile te’ turco.

Istanbul_49

 

Istanbul e’ forse ancora più bella e suggestiva di sera, al tramonto estivo, con i mille colori di cui si splendono gli edifici ed i lunghi ponti della citta’.

Istanbul_95

Istanbul_100

Istanbul_104

Istanbul_108

Istanbul_113

 

 

Il giorno dopo e’ la volta di un’altro famoso ed imperdibile edificio, a pochi passi dalla Basilica di Santa Sofia (e quindi dal mio ostello 🙂 ): il Palazzo Topkapi, proclamato dall’ UNESCO nel 1985 come World Heritage site.

Istanbul_80

Istanbul_82

 

Costruito nel 1459 sulle sponde del Bosphorus, quel canale che connette il Mar Nero ed il Mar Marmara, e’ stato per oltre 400 anni la residenza dei sultani Ottomani (e delle loro donne…).

No, non queste donne…anche se in foto stanno benissimo 😉

Istanbul_69

 

 

Terminato di visitare la parte sud del centro storico, e’ giunto il momento di scoprire la parte nord e per fare questo mi dirigo (a piedi ovviamente!) in compagnia di Aysenaz sul ponte Galata, forse uno dei piu’belli che abbia visto durante il mio girovagare per il mondo, vuoi per il suggestivo panorama, vuoi per l’atmosfera che si vive…vuoi anche per i mille pescatori che ogni giorno si danno appuntamento qui.

Istanbul_162

Istanbul_163

Istanbul_164

 

Il ponte Galata ha avuto una importanza strategica fondamentale nei secoli scorsi ed ha permesso il collegamento della “vecchia” Istanbul con la nuova citta’ in via di espansione al nord, sopraelevando quello che viene chiamato “Corno d’Oro“, una lingua di acqua che si insinua nell’entroterra e che divide appunto a meta’ la citta’ antica.

Ma sarà’ buono il pesce pescato qui?!

Boh, pero’ di sicuro e’ un proliferare di ristorantini e bancarelle sulla banchina meridionale sotto il ponte, dove ragazzi e famiglie locali si godono il momento.

Istanbul_93

Consiglio: grazie ad Aysenaz, ho scoperto che sulla banchina settentrionale del “Corno d’Oro”, ci sono dei posti all’aperto dove mangiare il pesce locale, con vista mozzafiato, più spartani e più buoni (ed economici). Ed ovviamente siamo andati li’ a pranzare 😉

Istanbul_165

 

Istanbul__184

 

Sulla sponda meridionale del ponte Galata, perso tra i mille vicoli di cui e’ ricca Istanbul…

Istanbul_156

non posso perdermi il famoso “Grand Bazar“, ricco di colori, di spezie…e di articoli per turisti.

Istanbul_146

Istanbul_147

Istanbul_149

Istanbul_150

Istanbul_157

Diciamo che vale la pena venire qui solo per assaggiare (a caro prezzo!!) alcuni dei famosi dolci turchi o per fare una foto ad un tipo così!

Istanbul_155

 

La prima cosa che si nota da qualsiasi punto ci si trovi sulle sponde del “Corno d’Oro”, e’ la “Torre Galata“. Costruita nel 1348 dai Genovesi (!!) durante il loro dominio sulla citta’, e’ (era) una perfetta vetta di osservazione. Oggi sulla sua cima ci sono dei ristoranti ed un club…

Ma e’ li’ che ci dirigiamo per prendere la storica cabinovia sotterranea che ci porta fino all’inizio del lunghissimo “corso Istiklal“.

Ua specie di via del Corso a Roma, centro nevralgico commerciale e ricco di negozi.

E di un bar da un nome familiare….ma che ci fa qui?!!

Istanbul_43

 

 

Un vero peccato essere capitato in Turchia, ad Istanbul, durante uno dei periodi più neri della storia contemporanea, con scontri (a volte mortali) tra la polizia ed i protestanti. Protesta contro l’attuale (beh..diciamo attuale anche se lo e’ da 10 anni!) primo ministro Erdogan.

Una vera guerra civile, dove incredibilmente di giorno sembra tutto sereno ma di notte, ovvero quando le persone escono dal proprio ufficio, la citta’ si trasforma in un luogo di battaglia, con lacrimogeni ovunque ed una miriade di giovani ragazzi che si radunano in piazza Taksim.

E’ capitato anche a me di trovarmi nel mezzo degli scontri, costretto una sera ad uscire per strada da una discoteca a causa dei lacrimogeni entrati nel sistema di ventilazione.

Istanbul_124

Istanbul_125

Istanbul_130

 

La cosa interessante e’ stato pero’ constatare come le informazioni rilevate e passate alla stampa estera erano a volte sensibilmente diverse dalla realtà dei fatti.

Merita di essere visto questo filmato, disponibile sul web e che la mia amica Aysenaz mi ha gentilmente passato. Mentre in tutto il mondo diffondono le notizie di quanto accade ad Ankara ed Istabul, la televisione nazionale manda un documentario sui pinguini (!!), tagliando fuori i turchi su qualsiasi informazione.

Tra l’altro, nessuno delle reti internazionali ha mai pubblicato o reso noto alcuni trattamenti incivili sui protestanti, come detto a volte letali.

Vedere per credere:

A proposito di guerre…

Vale senz’altro la pena andare a visitare il futuristico Museo Storico “Panorama 1453“. Un po’ fuori mano ma accessibile facilmente con i mezzi pubblici e straordinariamente vicino alle antiche mura di cinta.

Istanbul_137

Istanbul_141

 

La parte più interessante e’ l’ enorme sala rotonda dove e’ stata dipinta a 360 gradi la scena della presa di Costantinopoli da parte delle truppe Ottomane. Il tutto arricchito da riproduzioni di armi e suoni per rendere più vero il senso della battaglia. Bello!

Istanbul_136

Istanbul_134

Istanbul_135

 

Ma non potevo lasciare la Turchia senza aver prima visto due cose: il Mar Nero e la Capadocia!

Ecco infatti che in una delle belle giornate estive, con Aysenaz ed alcuni suoi amici e con un numero imprecisato di mezzi di trasporto presi, sono riuscito ad arrivare fino alle sponde del Mar Nero. Diciamo che da solo MAI sarei riuscito ad arrivarci in così poco tempo…il vantaggio di essere guidato dai locali 😉

Istanbul__182

E cosa scopro? Che in realta’ il Mar Nero…non e’ nero. Anzi, e’ un bellissimo e chiaro mare, almeno sulla sponda turca. Dicono che sul versante opposto e’ tutt’altra storia, ma meglio così. Una meritata giornata di sole con tanto di sdraie, e bar sulla spiaggia!

Istanbul__183

Istanbul_115

Istanbul_122

 

Ed infine la Capadocia.

Beh, visto il tempo che stringe e le distanze enormi, non ho avuto altra scelta che aggregarmi ad un viaggio di 1 giornata con volo a/r tra Istanbul e Goreme.

Merita il costo? Direi di si. La Capadocia e’ una regione storica caratterizzata e resa famosa dalle sue curiose rocce e forma di ciminiere.

Capadocia_5

Capadocia_8

Capadocia_45

 

Capadocia_50

Capadocia_54

Capadocia_40

Capadocia_35

Capadocia_32

Capadocia_31

Capadocia_30

Capadocia_27

 

Tanto da inspirare anche la cucina locale 😉

Capadocia_33

Il Göreme National Park e’ un vero e proprio museo all’aperto dove e’ possibile avvicinarsi e toccare da vicino queste incredibile e curiose formazioni rocciose. E scoprire che un tempo all’interno di alcune rocce, ci vivevano i cristiani con tanto di sala per la messa!

Capadocia_12

Capadocia_14

Capadocia_17

Capadocia_20

Oggi…solo curiosi turisti in discutibile tenuta estiva.

Capadocia_24

 

Che dire…la Turchia ed Istanbul mi sono entrate nel cuore. Posti fantastici ed a poche ore di volo dall’Italia.

Ma prima di tornare a Roma ho ancora una ultima tappa da smarcare: la Russia!

Un enorme grazie a Gokcecicek, ad Aysenaz ed ai loro amici per la incredibile ospitalità. Terminata con un invito a farmi vedere uno spettacolo della tradizionale danza dei Mevlevi, la “Cerimonia della Sema“. Una specie di danza di uomini rotanti che esiste da ben 800 anni ed e’ una delle ricchezze più importanti della cultura Turca.

Istanbul_168

Istanbul_170

(Peccato non fosse possibile fare foto durante lo spettacolo).

Buon viaggio a tutti!

 

Categorie: Turchia | Tag: , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Navigazione articolo

3 pensieri su “Turchia: la bellissima Istanbul e la incredibile Capadocia

  1. Alvaro Wiessel

    Te he seguido alrededor del mundo y conozco un poco más a través tuyo !! Gracias por tus notas. Con cariño desde Caño Negro !!

  2. buon viaggio ti seguo sempre….città e foto bellissime

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: