Cina: i panda di Chengdu ed il Parco Nazionale di Huang Long e Jiuzhaigou

08 – 12 Giugno 2013

Uno dei principali motivi, se non unico per venire fino a Chengdu nella provincia Sichuan, è quello di visitare il più grande centro riproduttivo di Panda al mondo, il “Panda Breeding Center“. E così da Xian in 1 ora di volo mi ritrovo in questa città, piccola per gli standard cinesi, enorme per quelli europei! E con una piazza principale dove spicca la statua col pancione di Mao Tse Tung.

Chengdu (3)

Chengdu (1)

Ed ovviamente anche qui non possono mancare i soliti scooter strani dei cinesi o gente che fa “sport” per strada.

Chengdu (2)

Chengdu (5)

Chengdu (4)

Incredibile ma vero, esattamente durante i giorni in cui mi ritrovo qui, i cinesi avevano deciso di ospitare al centro riproduttivo il Forum mondiale delle 500 aziende più importanti. Quindi salta la idea di partecipare al programma “1-day volunteer”, ovvero passare una intera giornata con i tenerissimi orsi bianchi/neri. Ma ovviamente vado al centro lo stesso come normale visitatore. Il mattino dopo sono quindi lì, pronto per godermi a pieno i panda e capire di più su di loro.

Chengdu (32) Chengdu (39)

Curiosità: I panda esistono da 8 milioni di anni, erano conosciuti dai cinesi fin dalla antichità, eppure nel corso della storia moderna se ne sono perse le tracce e solamente nel 1869 il prete francese Amand David per puro caso “scoprì” questo fantastico animale! La sua scoperta “stimolò” molti esploratori e da li’ iniziò la caccia a questo bellissimo animale. Ben fatto!! Qualche anno prima venne scoperto anche il panda rosso, inizialmente chiamato panda ma dopo l’ individuazione dell’ orsetto bianco/nero è stato ribattezzato panda rosso per distinguerlo 😉 Beh, il panda rosso è un’altro bellissimo e timidissimo animale che si può scoprire in questo centro, spesso che cammina tranquillamente tra i corridoi…

Chengdu (24)

Chengdu (22)

Chengdu (21) Chengdu (23)

O che si “appoggia” su un ramo di un albero…

Chengdu (35)

Il Panda Breeding Center è il più grande al mondo con il maggior numero di panda al suo interno, praticamente tutti nati in cattività. Fondato nel 1987 a partire da pochi panda, oggi ne conta più di 50. Questo luogo non è uno zoo o una riserva. Qui cercano di far ripopolare la specie dei panda, a rischio da anni essendo rimasti veramente in pochi allo stato selvaggio. La esperienza di vedere dal vivo il panda è unica. È vero, in altri luoghi del mondo (principalmente zoo) negli anni sono stati inviati dei panda, ma volete mettere vedere i cuccioli con la loro mamma?! Il posto è enorme, bellissimo e merita rimanerci una intera giornata. Ed infatti, alle 8.30 sono già li a godermi come una mamma si gode il proprio cucciolo….mentre l’ altro se ne sta tranquillo e beato a dormire su un albero (in questo in effetti è molto simile al panda rosso!!).

Chengdu (6)

Chengdu (11)

Chengdu (10)

Chengdu (9)

Chengdu (8)

Chengdu (7)

Consiglio: Meglio visitare il centro la mattina presto per vedere i panda nel pieno delle loro attività..di mangiare una quantità incredibile di bamboo. Al mattino sono poi più vispi mentre nel pomeriggio sono intenti nella loro seconda importante funzione: dormire! Mi ricordano incredibilmente i koala: dormono e mangiano tutto il tempo. In effetti, così come i koala ricavano dalle foglie di eucalipto poca energia per cui devono cercare di spenderne il meno possibile, anche i panda hanno lo stesso “problema”. Le foglie di bamboo o i rami di bamboo (di cui mangiano solo l’ interno) hanno un basso contenuto zuccherino. Eppure, scopro che i panda sono carnivori!!! Quindi volendo/potendo mangierebbero piccoli animali.

Intanto, questi panda si godono la loro razione giornaliera!

Chengdu (14)

Chengdu (13)

Chengdu (12)

Chengdu (15)

Chengdu (16)

E dopo pensano alla loro seconda funzione principale della giornata: dormire, possibilmente uno sopra l’ altro.

Chengdu (38)

Chengdu (28)

Chengdu (37)

Chengdu (36)

Il Centro ricreativo dei Panda è bellissimo ed e’ a portata…di piede. Si può infatti camminare da una parte all’altra per ore senza problemi, andando alla ricerca di questi orsretti con l’occhio nero, all’interno degli spazi a loro dedicati. E forse questa è la parte più divertente. Io sono rimasto affascinato ed immobile per ore cercando di godermi i loro movimenti, le posizioni strane e tenere che possono assumere, il modon in cui vogliono giocare ed interagiscono tra di loro. Stupendi!

Chengdu (19)

Chengdu (20)

Chengdu (27)

Chengdu (26)

Chengdu (18)

Chengdu (25)

Certo, se non ce la si fa a camminare…no problem: un’auto elettrica a disposizione. Con ovviamente il logo del “Kung Fu Panda”!

Chengdu (40)

Chengdu (17)

Da non perdere poi il piccolo ma interessante museo dove spiegano le avanzate tecniche di riproduzione artificiale sviluppate ed informazione curiose sui panda.

Scopro ad esempio che i panda vivono mediamente solo 15 anni e raggiungono la maturità sessuale solo intorno ai 3, vivendo prima praticamente sempre attaccato alla mamma. Partoriscono solo 1 cucciolo alla volta (se hanno due gemelli, sacrificano uno dei due!!), sono pronti per accoppiarsi solo quando il precedente cucciolo è “adulto” ed indipendente ovvero ogni 3 anni, e…udite udite…il maschio ha un pene molto piccolo in confronto alla lunghezza della vagina nella femmina!! Inoltre, non è detto che durante il periodo dell’ anno in cui la femmina è in calore, trovi il maschio che le vada bene. Tutti questi elementi messi insieme mi hanno fatto capire come la specie dei panda sia altamente fragile dal punto di vista del mantenimento della specie e come miracolosamente sia sopravvissuto negli ultimi 8 milioni di anni! È bastato il fattore “uomo” e la sua distruzione di foreste per rompere un precario equilibrio. Ed è per questo che anche in cattività non sia facile aumentarne il numero, costringendo all’ utilizzo di inseminazione artificiale (poche femmine e non garantito successo di accoppiamento naturale con il maschio disponibile nel centro riproduttivo). È vero non sono riuscito a partecipare al programma di volontariato per 1 giorno “1-day volunteer”, ma non volevo farmi perdere l’ occasione di tenere in braccio e coccolare un piccolo di panda, presso il “Sunshine Nursery House”.

Chengdu (33)

Chengdu (34)

Ahimè se lo fanno pagare carissimo (200 usd!!) ed hanno il coraggio di definirla una donazione. Alla faccia! In altri luoghi chiederebbero massimo 50-60 usd. Un breve calcolo fatto mi dice che giornalmente ricevono in questa forma 12,000 usd! Hai capito sti cinesi!!! Va beh, ho almeno il piaciere di spupazzarmi una bellissima femmina di 10 mesi 🙂

Chengdu (46)

Chengdu (45)

Chengdu (44)

Chengdu (43)

Chengdu (42)

Chengdu (41)

Consiglio: solo un numero limitato di persone al giorno possono partecipare per cui è buona cosa presentarsi di mattina presto e prenotarsi o per il turno del mattino o del pomeriggio.

Mancano 3 giorni alla partenza per il Tibet e fortuna vuole che nel mio ostello organizzano un tour in bus esattamente di 3 giorni per andare a visitare due bellissimi parchi da non perdere se si è vicini a Chengdu: Huang Long e Jiuzhaigou. Perfetto.

Sarà una mazzata visto che non è proprio vicino ma ne varrà la pena. La solita coincidenza vuole che tra pochi giorni, ovvero Mercoledì 12 Giugno, sia il giorno del “Dragon Boat Festival” ed in Cina si celebra con 3 giorni di festa nazionale. Ergo, esattamente quando vado a visitare il parco di Jiuzhaigou mi sono ritrovato una valanga di cinesi in gita con famiglia/amici.

Jiuzhaigou_2

Jiuzhaigou_4

Poco male, è stata una esperienza interessante, soprattutto perchè il tour era pensato per turisti cinesi, per cui guida cinese (che ha osato cantare durante il viaggio pensando di intrattenere il pubblico!!),

cibo (colazione/pranzo/cena) cinese, compagni di viaggio cinesi..ed io quasi il solo straniero! Scopro infatti che con me sono capitati due giovani giapponesi in luna di miele, in viaggio per il mondo per 2 anni!

E poi alcuni compagni di viaggio cinesi qualche parola di inglese riescono a tirarla fuori. Come al solito, in questo viaggio mi capita sempre qualcosa di nuovo!

Parto dunque alle 5 del mattino su un bus pieno zeppo turisti cinesi, 2 giapponesi in viaggio intorno al mondo…ed io.

Attraversato montagne incredibili, boschi e marciato tanti tanti chilometri, ci si ferma ogni tanto per una meritata pausa in posti “tipo “Autogrill”.

Huang Long (1)

E visto l’imminente Dragon Boat Festival, in moltissimi villaggi si stanno preparando adeguatamente, con stupendi vestiti tradizionali.

Huang Long (5)

Huang Long (6)

Huang Long (9)

Huang Long (8)

Huang Long (20)

Huang Long (21)

Jiuzhaigou_97

Dopo “appena” 10 ore di viaggio arriviamo FINALMENTE ad Huang Long, ad oltre 3000 metri slm.

Huang Long (94)

Huang Long è una stupenda terrazza di acqua turchese su diversi livelli, da visitare salendo e scendendo una montagna passando intorno al flusso dell’ acqua. Unica al mondo. Non male come inizio.

Huang Long (42)

Huang Long (51)

Huang Long (63)

Huang Long (68)

Huang Long (70)

Huang Long (71)

Huang Long (79)

Huang Long (40)

Huang Long (61)

Huang Long (75)

Huang Long (77)

Huang Long_106

Huang Long_104

Huang Long_102

Huang Long_118

Huang Long_84

Dopo aver passato la notte in un incredibile villaggio tra le montagne, il secondo giorno è interamente dedicato al parco nazionale di Jiuzhaigou, dove non bastano 8 ore per visitarlo completamente.

Jiuzhaigou_36

Sono arrivato alle 7 ed ho finito alle 17 camminando tantissimo ed ancora non avevo finito di vedere tutto. Il parco è famosissimo in Cina con laghi di un’ acqua trasparente impressionante, da vedere e fotografare passeggiando nel bosco. Un bel posto, pulito ed organizzato bene.

Jiuzhaigou_90

Jiuzhaigou_89

Jiuzhaigou_82

Jiuzhaigou_81

Jiuzhaigou_69

Jiuzhaigou_96

Jiuzhaigou_67

Jiuzhaigou_35

Jiuzhaigou_28

Jiuzhaigou_24

Jiuzhaigou_19

Jiuzhaigou_12

Huang Long_120

Nel parco noto una cosa curiosa che fino ad ora mi era sfuggito. I cinesi, peggio che i giapponesi, amano fare le foto in pose alquanto strane, a volte da fotoromanzo. Nelle loro foto sono più importanti i primi piani che lo sfondo ed il contesto dove sono. Mah.

E poiche’ siamo “vicini” a Chengdu ed ai suoi Panda, evidentemente va di moda un abbigliamento adeguato al tema…

Jiuzhaigou_29

Jiuzhaigou_16

Ma il tour includeva anche due interessanti eventi che non mi sono fatto perdere. Sono infatti in una zona della Cina molto vicina all’ attuale Tibet. O meglio, un tempo questa terra ERA il Tibet. Pertanto vivono molti tibetani nei relativi villaggi. In alcuni di questi ci siamo fermati per assistere a degli spettacoli di danza o musica tibetana, a volte dentro un teatro

Jiuzhaigou_45

…a volte improvvisate dentro una casa di uno di questi villaggi.

Jiuzhaigou_43

Jiuzhaigou_38

Jiuzhaigou_37

Che esperienza! Unico rammarico, non ho capito una parola di quello che dicevano 🙂

Il viaggio di ritorno è stato invece praticamente un viaggio senza fine fino a Chengdu. Un esagerato numero di ore dentro un bus in stile fantozziano. Per fortuna ogni tanto ci si ferma…a volte con le classiche fermate per fare shopping. I cinesi comprano di tutto ed adorano spendere i soldi!!

In questo “alimentari” dove vendono carne di Yak in tutte le sue forme, ho visto uscire persone cariche di buste piene di cibo. Mah..

Jiuzhaigou_49

Jiuzhaigou_48

Jiuzhaigou_54

Ah…e naturalmente per chi vuole c’e’ a disposizione un simpatico YAK in carne ed ossa per una foto ricordo…

Huang Long (23)

Jiuzhaigou_59

Huang Long_25

Bene, è tempo ora di andare nel magico Tibet con un volo diretto.

Buon viaggio a tutti!

Categorie: Cina | Tag: , , , , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: