Rotoura: la cultura Maori, Hobbiton e le fonti termali

19-21 Novembre 2012

Ad Auckland city esiste un unico terminale degli autobus, a pochi passi dallo
Skytower. Da qui partono verso tutte le principali destinazioni del nord
dell’isola.
Di fatto esistono due linee di bus principali: “intercity coach lines” e
“naked bus”, dove la prima normalmente connette le grandi localita’ mentre la
seconda offre viaggi in destinazioni piu’ periferiche.

Rotorua (1)
Con un viaggio di “appena” 4 ore arrivo quindi con la linea intercity a
Rotorua, citta’ famosa per la sua terra termale, per la sua
popolazione al 60% maori e….per il villaggio Hobbiton del film “Il Signore
degli Anelli” a pochi chilometri di distanza.Rotorua (2)

Il viaggio offre la possibilita’ di godere della campagna e la prateria
neozelandese.

Quasi tutti i terminali degli autobus a lunga percorrenza sono strategicamente
posizionati davanti all’ufficio del turismo, qui chiamati “I-site”.
Praticamente arrivi in un posto nuovo ed hai a portata di mano (o di piede) un
posto dove avere assistenza.
Non fa eccezione Rotoura. Davanti all’I-site accade infatti di tutto.
Partono ed arrivano i bus della intercity line o naked bus, partono ed
arrivano i bus turistici che ti portano in giro per i tour. Ottimo!!

Arrivo con in mente di rimanere 2 giorni e poi di dirigermi verso il parco
nazionale di Tongariro con i suoi 3 bellissimi vulcani (uno dei quali e’
“Mordor” del film “Il Signore degli Anelli”).
Rotorua, una piccola cittadina dove dopo le 17 chiudono anche i bar (!!),
offre molttissime cose ma come sempre sono tutte care ed occorre fare una
ottima selezione. Come in Australia anche qui in Nuova Zelanda hanno il “vizio”
di venderti tour ed attrazioni a caro prezzo ma che poi stringi stringi non
sono niente di che.

Attenzione:
I prezzi dei tour variano sensibilmente a seconda di chi li vende.
Consiglierei di chiedere i prezzi sia all’ostello/hotel dove si alloggia sia
all’i-site. Quest’ultimo offre spesso prezzi migliori.

Prendo alloggio presso l’ostello della gioventu’ della cittadina, un vero
gioiello della comodita’, pulizia e servizi ad un prezzo economico. E’ a pochi passi dall’i-site e mentre cammino per le vie non posso fare a meno di notare che il nome kiwi, animale simbolo della citta’ e nome dato ai cittadini
neozelandesi, e’ ovunque ed usato per qualsiasi cosa: banche, guesthouse, etc.

Rotorua (11)

Rotorua (3)

Tanto per iniziare, appena arrivato in citta’ e sistemato nell’ostello mi
fiondo verso la piscina termale “Polynesian spa”.

Rotorua (12)

Rotorua (14)

Posizionato davanti al lago Rotorua offre piscine con bellissime viste ed acqua termale solfurea naturale.
In realta’  l’ intera zona e’ una vera e propria fonte di calore! Poco distante
da qui la terra emana vapori ed acqua bollente.
E’ infatti il caso di Wai-o-Tapu, un vero paradiso termale.

Wai o Tapu (67)
Per raggiungerla, o avete un’auto (che consiglio di avere qui in Nuova
Zelanda) oppure dovete comprare n tour organizzato (circa 50 dollari). La
prima tappa si chiama “mud pool”: una piscina di fango dal cui fondo sale
vapore creando un effetto di megabolle che esplodono.

Wai o Tapu (2)

Wai o Tapu (5)

Ci si dirige poi verso il “Lady Knox Geyser“. Ogni giorno
alle ore 10.15-10.25 erutta in tutto il suo splendore. Un vero spettacolo.

Wai o Tapu (14)

Wai o Tapu (71)

Un consiglio: venite verso le 10 per prendere i posti migliori e cercate di
allontanarvi poco dopo lo “show” per arrivare a Wai-o-Tapu prima che la massa
di turisti lo invada e si perda la bellezza del posto.

Arriviamo infatti in un questo posto incredibile, Wai-o-Tapu, 18 kmq di superficie termale attiva nella zona vulcanica di Taupo.

Wai o Tapu (18)L’area e’ letteralmente coperta da oltre 12 crateri collassati con diametri di 5-50 metri e profondita’ fino a 20 metri, piscine fredde e bollenti, fumi di vapore ed acqua che salgono dalla superficie. La piu’ famosa e’ la “champagne pool”, la cui temperatura e’ di 100 gradi, ed occupa un cratere formatosi da una eruzione idro-termale 700 anni fa.

Wai o Tapu (26)

Wai o Tapu (33)

Wai o Tapu (39)

Wai o Tapu (47)  Wai o Tapu (62)


Ci si possono spendere buone 2 ore e non annoiarsi con il suo percorso di 7km.

Nota:
Ovviamente i colori derivano dalla presenza dei minerali nella terra. Viola
per ossido di magnesio, rosso/marrone per ossido di ferro, giallo per il
solfato.

Wai o Tapu (58)

Wai o Tapu (56)

Come detto, a Rotorua il 60% della popolazione e’ Maori. Sono persone molto
gradevoli, simpatiche e gioiose. Parlano poi un inglese con un accento curioso
ma perfettamente comprensibile….piu’ dei bianchi neozelandesi 🙂
Qui ci soni diversi “villaggi” maori, ovviamente falsi, ovvero ricostruzioni
di quelle che erano un tempo. Il piu’ conosciuto e’ il Tamaki Maori
Village, ma ne esistono naturalmente altri.
Il costo dei tour per visitarli sono tutti molto cari, parliamo di circa 80
dollari neozelandesi a persona!!!
Situato poco distante dalla cittadina di Rotorua, arrivati al villaggio si
inizia con una dimostrazione di forza dei guerrieri maori all’ingresso.

Rotorua (18) Rotorua (21)

Si entra dentro e si viene divisi in gruppi in modo che a rotazione ogni piccolo
gruppo possa posizionarsi di fronte alle diverse capanne presenti nel villaggio.

Rotorua (24) Rotorua (32)
Davanti ogni capanna i maori effettuano una dimostrazione di un’arte:
l’allenamento dei guerrieri, la lavorazione del legno, i giochi.
Anche qui non mi poteva mancare la foto di rito 😉

Peccato che abbia avuto la sensazione che il tempo dedicato davanti ad ogni
capanna fosse molto poco e che terminata la rappresentazione, ti spingessero
alla seguente capanna, quasi come se fossimo in una catena di montaggio. Non
riuscivo neanche a fare delle domande e mi e’ sembrato troppo…turistico. Ho
almeno appreso che i loro tatuaggi hanno un nome nella lingua maori: Taa Moko.

Al termine del giro del villaggio, riuniscono tutti i gruppetti in un teatro
dove gli stessi maori si esibiscono in uno spettacolo con canti vari,
concludendosi con l’haka. Infine cena a buffet.


Sinceramente per il prezzo pagato non ho visto o appreso niente di particolare
ed e’ stato tutto moooolto turistico. Se volete quindi avere una idea delle
armi usate dai maori, la loro storia e tradizioni…questo non e’ il posto
giusto. Andate al museo di Auckland city e partecipate allo spettacolo.

Ultima attrazione: Hobbiton. Beh, se i tour in generale qui
sono cari, questo li batte tutti. Parliamo di 110 dollari neozelandesi che
include il trasporto dalla cittadina di Rotoura. Sono riuscito a spuntare 99
dollari prendendo il biglietto presso l’i-site.
Il viaggio per arrivarci dura circa 1,5 ore sopratutto perche’ ci si spinge
nella aperta campagna. A mano a mano che ci si avvicina ogni posto in realta’
mi sembra hobbiton. Ci sono campi bellissimi e verdissimi, ricchi di pecore e
di collinette, ognuna delle quali ai miei occhi poteva essere tranquillamente
una casa hobbit!!!

Taupo (29)

Il bus molla tutti davanti ad una stazioncina che augura a tutti un
“benvenuto”.

Hobbiton (76)
Poi si sale su un’altro bus piu’ piccolo per raggiungere il vero hobbiton. A
bordo quindi del mezzo “Gandalf” si attraversa un breve percorso in un’area
recintata, passando davanti a quello che e’ stato un campo enorme dove ai tempi della registrazione del film (incluso l’ultimo appena filmato) vivevano e
mangiavano 400 persone al giorno.

Hobbiton (75)
Finalmente si arriva ad Hobbiton!!
Un villaggio curato nei minimi dettagli. Il posto e’ naturale al 100%: alberi,
lago, collinette. Scopro infatti che quando il regista Jackson ha sorvolato
questa zona ha subito notato come fosse perfettamente adeguata alla descrizione del villaggio degli hobbit come nel libro. In effetti sembra quasi che Tolkien si sia ispirato a questo posto per scrivere il libro!! Tutto e’ esattamente
come dovrebbe essere: un terreno scosceso su piu’ livelli, senza strade ne case
o fili della corrente, un lago davanti….occorreva solo costruire delle case
(in totale 37), la trattoria del villaggio, il ponte con il mulino sopra il lago
naturale.

Hobbiton (3)

Hobbiton (5)

Hobbiton (7) Hobbiton (22) Hobbiton (38) Hobbiton (46) Hobbiton (70) Hobbiton (72)

Oh…ovviamente le “case” sono perfette ma solo da fuori, dentro non c’e’
nulla!! Le scene degli interni sono state girate negli studi cinematografici a
Wellington.
E riconoscete la casa di Bilbo Baggins?

Hobbiton (32)
Il posto e’ molto bello ed e’ originale cosi’ come quello che si vede nel
film. Peccato per il prezzo elevato e per il fatto che, a parte il luogo, non
esiste un “backstage” tipo negli studi di hollywood. Saro’ stato io, ma mi
immaginavo che mostrassero anche foto e video su come avessero girato alcune scene del film…invece niente!

Curiosita’:
L’esercito neozelandese e’ stato impiegato (a pagamento) per costruire i 1.5km
di strade interne e per eseguire gli scavi sul set cinematografico con l’uso di
camion, bulldozers, gru, scavatrici.

Ok, dopo questa iniezione di terme, maori ed hobbit, e’ ora di puntare verso l’interno dell’isola: il parco nazionale di Tongariro ed i suoi 3 vulcani.
Una cosa pero’ scopro nel viaggio di ritorno da Hobbiton a Rotoura. Sento
commentare dai tizi che proprio il vulcano Tongariro ha eruttato qualche ora
fa!!! Ma che sfiga incredibile!!!
Praticamente tutti i camminamenti negli intorni del parco sono chiusi per
motivi di sicurezza, incluso il famoso “Tongariro crossing”, una camminata di 8
ore attraverso i posti piu’ belli del vulcano Tongariro.
Va beh poco male…qualcosa da fare lo trovero’ una volta arrivato li’…

Categorie: New Zealand | Tag: , , , , , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Rotoura: la cultura Maori, Hobbiton e le fonti termali

  1. Pingback: Luca in giro per il Mondo! | Max Rocca "A curious traveler"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.