Vang Vieng ed il tubing

08 Ottobre 2012

Eh….dire che il viaggio notturno da Luang Prapang verso Vang Vieng e’ stata un’avventura, e’ un eufemismo.

Dopo alcune ore dalla nostra partenza si incomincia a sentire fumo nell’abitacolo: cortocircuito nell’impianto di condizionamento.
Il tutto in mezzo ad un villaggio sperduto della campagna laotiana nel cuore della notte.

Nulla di grave..cosa normalissima in Asia. Occorre solo aspettare.
Infatti, dopo alcune ore si riprende il viaggio..ma….senza aria condizionata. Poco male, io scendo a Vang Vieng a solo 1 ora di viaggio.
Arrivo infatti alle 7 della mattina in questa cittadina a meta’ strada tra Luang Prapang e Vientiane, capitale del Laos.

Con me scendono solamente altre 4 ragazze…tutti gli altri passeggeri proseguono il viaggio (altre 4 ore fino a destinazione finale!!).
Appena sceso dall’autobus mi rendo conto che sono finito nel classico paesino ingnorato dal mondo…se non fosse che qui si pratica il tubing, ovvero la discesa di un fiume su una mega ciambella simile ad un gommone rotondo.
Ho sentito e letto che molte persone sono morte negli anni passati facendo tubing qui, spesso sotto l’effetto di alcol e droghe assunte lungo il fiume nei diversi bar presenti sulla riva.
Il governo laotiano (spinto a dir la verita’ da quello australiano visto che recentemente 3 ragazzi Aussie sono morti nei mesi scorsi) ha fatto chiudere tutti i bar lungo la riva impedendo quindi la vendita di alcol.

Una cosa pero’ mi ha colpito positivamente: delle bellissime montagne a forma di faraglioni, proprio dietro il villaggio. Dentro quelle montagne si nascono decine di grotte visitabili.

Bene, sono solo e le persone che avevo conosciuto nello slowboat durante il viaggio dalla Thailandia al Laos e con cui sono stato a Luang Prapang, hanno proseguito verso Vientiane.
Ma io so, da quando sono partito per il viaggio nel mondo, che ogni giorno succede qualcosa di nuovo e non sai mai chi incontrerai e come si evolvera’ la giornata.
Peccato che ogni volta che si conoscono nuove persone, la prima parte di conversazione sembra essere un copione gia’ visto: una infinta serie di domande per capire da dove vieni e quali sono i tuoi prossimi spostamenti. Penso di aver detto le stesse cose 1 milione di volte nelle ultime 2 setttimane e di aver sentito i programmi di viaggio di centinaia di persone…che detto tra noi, poco mi frega.

Faccio il checkin presso la bellissima guesthouse “Pan’s Place”, breve colazione e mi dirigo verso la strada principale alla ricerca di un tuk tuk da condividere con qualche persona per risparmiare soldi.
Sono qui per 1 giorno solo ed ho intenzione di fare due cose:
-visita del blue lagoon e relativa grotta con il buddha
-fare questo stradiscusso tubing e vederlo con i miei occhi

Dopo un po’ trovo una coppia giovane di polacchi con figlia al seguito che verranno con me al blue lagoon. Sono due insegnanti di lingua inglese e vivono a Vientiane dallo scorso Agosto. Pazzesco.

Avevo sentito parlare bene di questo posto..in realta’ e’ stata una vera delusione.
Piu’ che una laguna e’ un fazzoletto di fiumiciattolo dove volendo ci si puo’ fare il bagno lanciandosi con la corda.


La grotta poi e’ in cima ad una salita che spezza in due le gambe per poi risultare neanche troppo interessante, a parte alcuni riflessi di luce all’interno ed una statua di buddha.

  

 
Merita solo il panorama che si gode a bordo del tuk tuk nel viaggio di andata e ritorno: scorci di vita quotidiana, raccolta del riso, montagne a strapiombo…

 

Almeno mi riesco a mangiare la mitica canna da zucchero…

Va beh, sconsolato torno in citta’ e saluto i polacchi. Mi metto alla ricerca del fantomatico tubing.
Seguo il consiglio del proprietario del mio ostello: porto solo il costume da bagna (indossato) ed i soldi necessari per il noleggio del ciambellone, ovvero 115000 kip (di cui 60000 kip come deposito che vengono restituiti se riporti il ciambellone). Volendo uno si puo’ portare una busta impermeabile per la fotocamera. Nel prezzo del gommone e’ incluso il trasporto in tuk tuk fino a 3km a monte del fiume, dove ha inizio il tubing.


Mi unisco ad un gruppetto misto di inglesi/americani/australiani e con loro salgo sul tuk tuk che ci portera’ all’inizio della discesa.
Beh..CHE DELUSIONE!!
Mi aspettavo chissa’ quale corrente del fiume con magari delle rapidi.
Invece il corso del fiume e’ talmente lento che faccio prima a camminare. Rapidi zero.
Mi chiedo come hanno fatto tante persone a morire qui!! Forse perche’ sotto l’effetto di droghe ed alcol semplicemente cadono in acqua ed annegano oppure saltando dalla riva con una corda sbattono contro roccie nascoste a pelo dell’acqua.
Altrimenti e’ impossibile farsi del male!!

L’effetto del governo laotiano si nota. Tutti i bar/baracca sono chiusi. Solo un paio vendono “illegalmente” qualche birra.
Il gruppo di ragazzi/ragazze del mondo commonwealth con cui ho fatto tubing, da brava tradizione anglossasone che ha fatto? Se non vendono alcol…l’acol se lo portano con se dalla citta’.
Ok non si ubriacano…ma questo dimostra che se uno vuole beve anche senza i bar.

Attenzione:
verso la fine del percorso del tubing, cosi’ come effettivamente mi aveva detto il tizio alla guesthouse, entrano in acqua alcuni BAMBINI con viso innocente, nuotano verso di te…e cercano di prenderti soldi o altri valori che magari lasci incustoditi con te. La cosa che mi ha colpito e’ che lo fanno senza vergogna e senza neanche fare finta…si aggrappano al ciambellone e ti palpano addosso. Se sei ubriaco qualcosa ti rubano certamente.

Ho fatto bene a venire qui solo per un giorno ed essermi tolto la curiosita’ del tubing a Vang Vieng.
Risutato? Posto BOCCIATO.

Categorie: Laos | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.