Perth

27-28 Agosto 2012

20120903-231156.jpgEccoci nella capitale del Western Australia con i suoi 1,5 milioni di abitanti (su 2,15 milioni che conta lo stato del WE!!).

La prima cosa che colpisce e’ la bellissima insenatura del fiume Swan che prima di sfociare sul vicino mare, si allarga proprio davanti al CBD (Central Business District) creando una enorme baia, icona e cartolina della citta’.

Visto che fino ad ora non avevamo mai incontrato problemi nel trovare posto presso i campeggi, avevamo prenotato a Perth solamente 2 delle 3 notti previste, lasciando la prima in un caravan park che pensavamo fosse gratuito dove passare la notte ma che scopriamo una volta arrivati qui che non esiste! Che fare?
Ovvio: passare la notte nel nostro mitico e flessibile caravan nel parcheggio di un Mc Donald aperto 24h, con connessione internet wif gratutia ed accesso al bagno garantito!!!
La mattina caffe’ e scorrendo il giornale (gratuito ovviamente) scopro che proprio oggi in zona Mall, ovvero la zona dello shopping, ci sara’ una festa di bentornato a casa organizzato dal comune di Perth per gli atleti olimpici australiani.
E chi se lo perde!

Mi fiondo al camping prenotato (carissimo!!) per una doccia e via verso la citta’.

Perth sembra essere la Melbourne di affari ma con un ambiente piu’ rilassato.
La Mall non e’ molto grande ma si respira una aria di tranquillita’.
Molto efficiente anche il servizio pubblico, con tante linee di bus (gratutite!!) che portano le persone nei punti nevralgici.
Inoltre qui hanno internet gratis in pieno centro con una ottima copertura.

Scopriro’ presto pero’ che qui la vita e’ mediamente piu’ cara che in Adelaide o Melbourne, sopratutto i parcheggi!!!

Arriviamo davanti al banca Commonwealth in pieno centro e vediamo gia’ il palco ed un gruppo di ragazzi che distribuiscono parrucche azzurre (ma il colore azzurro non e’ dell’Italia?) e palloncini per festeggiare gli atleti. Il tutto sponsorizzato da Fitness First.

20120903-230947.jpg 20120903-230956.jpg
C’e’ anche un canguro…non resisto e faccio la foto con lui.
20120903-231032.jpgA parte uno spettacolo un po’  kitsch all’inizio con ballerini improvvisati sul palco, quando arrivano gli atleti lo scenario cambia. 20120903-231043.jpg

L’entrata verso il parco era proprio al nostro lato ed infatti all’imporvviso ci vediamo sbucare ad 1 metro da noi in fila indiana e divisi per competizione sportiva (atletica, canoa, etc) gli atleti con le loro medaglie vinte al collo. Bellissimo che danno questa possibilita’ alla gente di avvicinarsi, stringere la mano o farsi la foto con loro. Da noi questo non me lo immaginerei. Ovviamente ho evitato di farlo ma mi sono goduto il momento. Poi sul palco tanti applausi, musica…ed alle prossime olimpiadi.

Passeggiando per le strade si incontrano poi una serie di sculture di metallo curiose, dai canguri davanti alla Residenza del governatore della citta’, alle punte di una penna stilografica, ad un uomo con l’intento di fare delle acrobazie…mah.

Passiamo davanti al municipio, in pieno centro, e dalla targa mostrata fuori scopro che questa citta’ e’ stata fondata nel 1829. Avevo pero’ letto che la maggior parte delle case e’ stata costruita dai galeotti portati qui dall’Inghilterra (come quasi tutte le citta’ australiane), incluso il municipio. Quindi il campidoglio e’ stato costruito da dei carcerati!! Incredibile.

Ancora oggi vediamo tantissime opere edili e civili in costruzione, sembra veramente che stiano dando un nuovo look alla citta’.

Durante i nostri 2gg qui riusciamo a goderci una mattinata intera al vicino Kings Park, proprio al lato del CBD e con una vista meravigliosa dello Swan River.


Da qui si vede benissimo anche l’antico birrificio sorto sulla riva del fiume.
Il parco e’ uno dei piu’ grandi al mondo (piu’ grande del parco di New York) ed ospita al suo interno un giardino botanico ed il memoriale dei caduti in guerra australiani. Molto bello.
Incrociamo verso la via di ritorno al parcheggio il mitico albero Boab, tipico in Africa ed in Australia.
Qui scopro che nel Luglio del 2008 hanno spostato qui un certo numero di Boab dal nord dello stato, nella regione Kimberley, per fare spazio alla costruzione di un nuovo ponte sulla Great Northern Hwy. Questi alberi, vecchi fino a 750 anni, si sono fatti in 6 giorni 3200km e durante il trasporto sono stati anche feriti lasciando evidenti traccie sul tronco. Ma e’ normale cio’??

Continuando il girovagare arriviamo a nord della citta’, vicino al quartiere Northbridge, zona dei locali e della vita notturna. Oltre all’Art Gallery ed alla libreria statale, qui si trova il Western Australia museo.
A parte la fantastica cosa di avere l’ingresso gratuito (ma donazioni volontarie sono ben viste), qui si puo’ avere una ottima sensazione di quello che e’ la storia di questo paese, dalle sue origini ai giorni d’oggi (incluso il trattamento riservato agli aborigeni tipo apartheid), dal punto di vista della popolazione ma anche della flora e fauna. Sono anche mostrate le tracce di meteoriti caduti qui!!
Infine, finalmente scopro il significato della bandiera aborigena, ovvero una striscia nera e rossa orizzontali con una sfera gialla all’interno: il rosso simboleggia la terra di questa zona, il giallo rappresenta il sole fotne di vita, il nero ricorda la popolazione aborigena.

Peccato non essere riusciti ad andare a visitare Fremantle, la cittadina di mare vicino a Perth, ma il tempo era proprio poco…next time!

20120903-231120.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categorie: Australia Western Australia | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.